Scopri Messina

La città dello stretto, un paradiso della biodiversità marina

” Un viaggio tra foclore, tradizioni e infinita bellezza ”   

Messina è la terza città più grande della Sicilia, centro dell’omonima provincia. Si trova sulle rive dello Stretto di Messina, che separa la Sicilia dall’Italia continentale.
 Secondo la leggenda qui si nascondevano due terribili mostri, Scilla e Cariddi che sorvegliavano lo stretto facendo affondare le navi che lo percorrevano. Ed è proprio da questa leggenda che prende vita la celebrazione di questi due giganti che ogni anno nel mese di agosto fa riunire spettatori da ogni dove per questa festa. Messina ha origini antiche, fu fondata da coloni greci nell’VIII secolo a.C. per la sua posizione strategica. Oggi è una città dalle mille sfaccettature: molto colorata, ricca di attrattive antropiche e di bellezze naturali. Nel 1908, un terribile terremoto, accompagnato da uno tsunami, distrusse quasi completamente Messina; ma solo un anno dopo la fu completamente ricostruita mantenendo la sua conformazione e recuperando i monumenti della città. Un vero gioiello architettonico è la Chiesa di Santa Maria Annunziata dei Catalani, costruita nel XII secolo sul sito di un antico tempio pagano. Il Duomo normanno di Messina, costruito nello stesso periodo dal re Rogero II, e il campanile della cattedrale che ospita uno dei più grandi orologi astronomici del mondo, costruito nel 1933. Qui ogni giorno a mezzogiorno esatto sul campanile si svolge uno spettacolo rappresentativo e sonoro di alcune figure dorate che rappresentano simboli storici della città. Altri punti di importanza storica sono le fontane della città: la cinquecentesca Fontana di Orione accanto alla cattedrale e la Fontana del Nettunoin Piazza Unità d’Italia (entrambe opera del famoso scultore e architetto Giovanni Montorsoli, assistente di Michelangelo); in origine la statua del Nettuno era rivolta verso la città, ma dopo il terribile terremoto e tsunami del 1908, fu rivolta verso il mare affinché Nettuno proteggesse la città.  Per quanto rigguarda le attrazioni naturali, uno spettacolo da non perdere sono i laghi naturali di Ganzirri al traamonto, dove si coltivano le cozze.  Il villaggio di pescatori di Torre Faro, situato alla confluenza dei due mari Ionio e Tirreno, il Pilone, costruito nel 1957,  oggi  rappresenta il simbolo della città.
Interessanti anche i musei di Messina, come il Museo Regionale, che ospita dipinti di Caravaggio e Antonello da Messina.

Scopri

cosa vedere a Messina

Santa Maria
Annunziata dei Catalani

Duomo Di Messina

Fontana
di Orione

Fontana
di Nettuno

Il Pilone

La Chiesa di
Cristo Re

Lost your password?
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.