Le nostre

escursioni in Sicilia

Messina antica

Una delle prime colonie greche

Questa escursione ripercorre la storia della città attraverso leggende, eventi storici e atmosferici, arte e tradizione. Percorrendo al contempo paesaggi incantevoli, come lo Stretto di Messina, la cui leggenda narra che Scilla e Cariddi, i due mostri che abitavano questo stretto, annegavano ogni nave lo attraversasse. Nonostante le numerose calamità naturali la città è riuscita a conservare i numerosi monumenti storici, tra cui la chiesa dei Catalani del XII secolo, fontane di Nettuno e Orione del XVI secolo e il magnifico campanile della cattedrale in cui a mezzogiorno si attiva l’orologio meccanico e astronomico più complesso e grande del mondo. Invece, per quanto riguarda l’arte Il Museo Regionale della Città ospita dipinti del  Caravaggio, che visse gli ultimi anni della sua vita in Sicilia, e dipinti di Antonello Da Messina.

Previous slide
Next slide
Previous slide
Next slide

Pesca in feluca

Una battuta di pesca unica nello stretto

Da maggio ad agosto a Messina è possibile partecipare alla caccia al pesce spada per vivere un esperienza unica a contatto con i pescatori locali, vivendo la loro quotidianità, provando voi stessi l’adrenalina che loro vivono ogni giorno. L’allestimento e la forma della feluca permettono ai pescatori un’azione strategica basata su un’attenta e astuta procedura. Dalla cima dell’albero della feluca l’avvisatore controlla le acque e in caso di un avvistamento avvisa il resto della squadra con un urlo indicandogli la direzione dello spada.  Un pescatore si posiziona sul naso della feluca e una volta raggiunto il pesce, impugna l’arpione. Dopodiché il resto dei pescatori iniziano a tirare il pesce dalla corda in modo da raggiungere il centro della feluca e farlo salire all’interno della barca.

Catania

Il cui destino è’ indissolubilmente legato all’Etna

Questo lo ricorda non solo la sagoma del gigante torreggiante, ma anche il colore scuro di molti monumenti, case e mura che sono state costruite con il tufo vulcanico: il bianco e il nero sono i colori dominanti della città. Nel 1669 la città fu quasi interamente ricoperta dalla lava e poi distrutta da un terremoto 23 anni dopo(1693). Nonostante, la natura rissosa del suo tormentato vicino, Catania si risollevò rapidamente. Gli edifici, costruiti all’inizio del XIX secolo in stile barocco siciliano, colpiscono ancora oggi per la loro bellezza ed eleganza di linee. In questa escursione è possibile visitare la piazza centrale, la cattedrale, il teatro greco e l’odeon, il teatro dell’opera, il museo Bellini e il palazzo Biscari (XVIII-XX secolo). Per non dimenticare, vorrei citare il fatto che Catania ha dato al mondo il grande compositore Vincenzo Bellini (1801-1835) e lo scrittore Giovanni Verga (1840-1922).

Previous slide
Next slide
Previous slide
Next slide

Taormina

“La perla della Sicilia”

Una diva seducente che con i suoi panorami mozzafiato e rovine antiche è in grado di lasciare tutti senza parole. La città di Taormina, chiamata la perla della Sicilia, fu fondata dai Greci e cantata da Goethe alla fine del XVIII secolo. Tra le sue attrazioni più conosciute c’è il teatro greco-romano che offre un’incantevole panorama da cui scorcia anche il maestoso Etna. Quest’escursione comprende la visita del teatro greco romano, del Palazzo Corvaja, dell’Odeon, delle Naumachie, del parco comunale e una degustazione di dolci e vini siciliani.

Fatevi anche voi soggiogare da questo meraviglioso angolo di paradiso che nei secoli ha ispirato numerosi artisti, musicisti e scrittori.

le Grotte di Taormina

Tour in barca nelle acque della perla della Sicilia

Un’escursione individuale in una comoda imbarcazione con skipper, durante la quale potrete ammirare la splendida costa di Taormina e Giardini Naxos con le sue grotte come la grotta Azzurra, la grotta delle Sirene, la grotta dell’Amore,.. e la splendida Isola Bella tuffandovi tra le acque cristalline della magnifica Sicilia

Previous slide
Next slide
Lipari
Click Here
Vulcano
Click Here
Panarea
Click Here
Alicudi e Filicudi
Click Here
Salina
Click Here
Stromboli
Click Here
Previous slide
Next slide

Isole Eolie

Regno di Eolo, padrone dei venti

L’arcipelago comprende 7 isole vulcaniche: Lipari, Vulcano, Panarea, Alicudi, Filicudi e Salina e il vulcano attivo Stromboli. Vulcano, ricca di panorami mozzafiato incorniciati da una natura lussureggiante, un isola in cui rilassarsi sulla spiaggia di sabbia nera, tuffarsi in acque cristalline, oppure fare bagni terapeutici di fango e acqua (sconsigliati a chi soffre di malattie cardiache), senza scordarsi di visitare la piscina di Venere. Un giro in barca per immergersi  nel relax e nella natura che governano le due isole Alicudi e Filicudi, caratterizzate da ripide scogliere di eccezionale bellezza. Panarea, un isola dalla vita glamour, con un mare meraviglioso e una scogliera mozzafiato, per non parlare del paesaggio incantevole delle due isolette, lisca bianca e lisca nera. Lipari, che oltre a spiagge splendide i rilievi montuosi ospita un rilevante museo archeologico. Salina, famosa sede di due vulcani inattivi, all’interno dei quali vi sono stati costruiti insediamenti umani, ed è sempre qui che si trova la casa di Pablo Neruda, dove ha vissuto quando è stato girato il famoso film “Il postino”. E infine Stromboli che nel momento delle sue eruzioni offre un panorama mozzafiato ai numerosi spettatori che l’osservano dalla barca..

Sicilia Sconosciuta

Castiglione di Sicilia, “la città’ del vino” Gole dell’Alcantara, un fenomeno da vedere

Castiglione di Sicilia fa parte dei Borghi più belli dell’Italia ed è interamente circondato da vigneti, uliveti e castagneti. Castiglione significa “Grande Castello” come quello che sorse nella valle per proteggersi dai nemici, lequali rovine sopravvivono ancora oggi. Questa città presenta caratteristiche medievali, stradine che convergono verso il centro del paese e salgono ulteriormente verso il castello. Nella parte storica è possibile ammirare le chiese che risalgono a secoli diversi, come quella di Sant’Antonio Abbate. Le profonde gole dell’Alcantara e l’omonimo fiume che scorre nella sua alle sono uno dei monumenti naturali più interessanti della Sicilia. Le gole si sono formate a causa dell’attività di un cratere laterale dell’Etna, la cui lava spaccò la roccia e si riversò nelle gole, in cui ora scorre un acqua sempre fresca.  Ideale per il caldo della Sicilia

Castiglione di Sicilia
Gole dell'Alcantara
Previous slide
Next slide
Previous slide
Next slide

I luoghi del "padrino"

“Il Padrino”, diretto da Francis Ford Coppola

Visitando Savoca… Una cittadina immersa in una zona montuosa e notevole non solo per l’aspetto medievale dei suoi edifici, ma anche per la vita quotidiana dei suoi cittadini che vi farà fare un passo indietro nel tempo. Le vie del paese riportano chiunque vi passeggi all’inizio del secolo scorso facendone percepire lo stile di vita misurato e senza fretta dei siciliani. Il “Bar Vitelli”, nella piazza centrale è il luogo dove sono state girate le scene dell’incontro tra Michael Corleone e il padre di Apollonia, sua futura moglie, insomma dove qualunque fan del Padrino vorrebbe andare. Un altro luogo da non perdere è il Convento dei Cappuccini che conserva le salme mummificate dei nobili locali (XVIII secolo). Successivamente visita a Forza d’Agrò o Castello degli Schiavi su richiesta.

Siracusa

Patria di Archimede e di Epicarmo

Una delle più grandi città del mondo antico, capitale della Magna Grecia, patria di Archimede e di Epicarmo (padre della commedia). Al giorno d’oggi è un luogo unico, frutto di un succedersi di dominazioni e della fusione delle diverse anime della città. In ogni suo angolo emergono tracce delle antiche civiltà in un insieme di stili, sapori e profumi.
Il tour prevede la visita del Parco Archeologico della Neapolis (teatro greco, anfiteatro romano, tomba di Archimede, cave), della cripta di San Marziano (dove predicò l’apostolo Paolo nel 63 d.C.), delle catacombe di San Giovanni (necropoli del VI secolo) e della parte più antica della città, l’isola di Ortigia (il Tempio di Apollo, l Cattedrale, la fonte di Aretusa) con i suoi edifici costruiti in stile barocco siciliano (XVIII secolo).

Previous slide
Next slide
Previous slide
Next slide

Piazza Amerina e Caltagirone

Tra storia e tradizione

Due luoghi unici nel cuore della Sicilia. Piazza Amerina e Caltagirone sono due borghi medievali con uno splendido centro storico in stile barocco che vi porterà con la mente indietro nel tempo grazie alle sue viuzze medievali e i suoi palazzi in stile barocco e rinascimentale. Caltagirone, sito UNESCO è famosa per la produzione di ceramiche colorate in modo caratteristico. Qui potrete dare libera espressione alla vostra vena artistica con gli artigiani di questo magnifico luogo. Piazza Amerina invece risulta essere particolarmente conosciuta e rinomata nel mondo grazie ai mosaici all’interno della Villa Romana del Casale.  Questa villa è una delle più preziose testimonianze archeologiche della cultura siciliana dell’Impero Romano (III-IV secolo d.C. ed è anche una delle più lussuose. Un monumento unico nel suo genere, insuperabile per numero, ricchezza e bellezza dei mosaici.

Agrigento

La Valle dei Tempi e la Scala dei Turchi

Nell’antichità, Agrigento era chiamata “la più bella città dei mortali”. Oggi, questa magnifica città, al suo interno custodisce con cura  uno straordinario patrminio culturale e paesaggistico di età classica: la maestosa Valle dei Templi, che con i suoi sette templi greci, uno dei quali (il Tempio della Concordia) è considerato il tempio meglio conservato del mondo antico. Una testimonianza di antichità incantevole da ammirare. Quest’escursione vi porterà indietro di molti secoli e vi permetterà di sperimentare “l’antica grandezza della Sicilia”. Dopo una sosta, si riparte alla scoperta della vicina Scala dei Turchi, una straordinaria scalinata di marna bianca dal vento e dalle onde del Mare Mediterraneo.

Previous slide
Next slide
Previous slide
Next slide

Palermo, Monreale

Passeggiando tra culture diverse

Palermo, capoluogo dell’isola, è una città esotica in cui si
fondono armoniosamente elementi architettonici romanici, bizantini,
arabi e gotici.
Visita della città di Palermo- 3 ore: Cattedrale, Palazzo dei Normanni, Piazza Pretoria, Martorana, Teatro Massimo, San Cataldo, Piazza Marina. Terminato il giro di Palermo, un breve tempo libero per poi visitare la città di Monreale, famosa per la Cattedrale che ospita i più grandi mosaici d’oro di tutta Italia e il Chiostro dei Benedettini, che è un capolavoro di architettura romanica.

Val di Noto

Un viaggio nel “barocco siciliano”

Un terribile terremoto colpì questa valle nel 1693, distruggendo molte città e villaggi. La ricostruzione delle città iniziò immediatamente. Si decise di ricostruirle nello stile barocco, di moda all’epoca. Nacque così la valle di Noto, con le sue splendide città gioiello, oggi tutelate dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità. Nella capitale del barocco siciliano si ha la sensazione di trovarsi in una realtà diversa, come sul set di un film.
Il caldo colore ambrato e miele degli edifici di Noto avvolge e affascina chiunque!!  Il colore e le  forme barocche degli edifici  e la sua invitante infiorata la rendono una delle città più attraenti della Sicilia.La valle è famosa per i suoi ristoranti stellati.  
Durante un’escursione nella Val di Noto, si consiglia sempre di fermarsi per una degustazione.

Previous slide
Next slide

Il vulcano etna

Il vulcano attivo più grande al mondo

Prima di farvi conoscere le nostre escursioni sull’Etna è importante fare una premessa. Questo vulcano ha due versanti: il versante sud e il versante nord. Si può affermare che a livello naturalistico si vede la lava solidificata in entrambi i versanti, ma nonostante ciò tra loro c’è una grande differenza sia a livello paesaggistico e naturale sia nel flusso turistico che li frequenta.

Previous slide
Next slide

Etna nord

Noto per la sua natura incontaminata

A pieno contatto con la natura sul vulcano piu’ alto d’Europa!! Risalita in fuoristrada di una colata lavica affacciandosi sulla Valle del Bove. Proseguendo verrà visitata una Grotta di scorrimento lavico che vi lascerà senza parole. Sosta tecnica c/o Rifugio Alpino. Per poi proseguire con un trekking sui crateri spenti dei Monti Sartorius. Si proseguirà fino a raggiungere una Cantina Vinicola in cui si terrà una degustazione (pranzo o cena in Cantina).La degustazione prevede l’assaggio di 4 vini accompagnati da diversi antipasti e delizie tipiche siciliane tra cui : pomodori secchi, ciliegino di Pachino, funghi e olive, pepato stagionato, provola, ricotta infornata, formaggio canestrato fresco e salame S. Angelo di Brola, Salsiccia sfumata al vino rosso, contorno, pane casareccio, acqua naturale, pasta di nocciola e caffe.

Etna sud

La parte più’ turistica

Questa escursione attraversa i villaggi ai piedi del vulcano per vedere come la popolazione locale si sta adattando al suo tormentato vicino, per poi ammirare  i meravigliosi giardini, boschi e il deserto etneo. Infine, salendo sulla piattaforma di osservazione (1890 m), potrete ammirare da vicino i crateri Silvestri, inattivi dalla fine del XIX secolo.  Inoltre, per gli amanti del brivido è possibile salire in funivia fino ai 2500 m e poi in jeep fino a 3000 m, per poi raggiungere a piedi i quattro crateri principali a 3300 m , i siti dell’eruzione del 2006-2007. Da qui vi sembrerà di trovarvi su un altro pianeta. La salita durerà 1 ora e 20 minuti.

Infine, sulle pendici del vulcano viene offerto un pranzo con degustazione dei vini dell’Etna (da prenotare separatamente).

Previous slide
Next slide

Lost your password?
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.